Divinazione in tutto il mondo | Lettore psichico Clara Champbell

DIVINAZIONE IN TUTTO IL MONDO

GRECIA

ONIMORANZIA

Molti popoli antichi credevano nella rivelazione divina attraverso i sogni e i Greci di questo periodo storico non facevano eccezione, apprezzando molto le onimorancie.

Gli Oneiroi (= Canti in greco antico) erano addirittura divinità che personificavano i sogni. E i loro sogni trasmettevano la volontà degli dei.

Gli antichi greci praticavano la divinazione nei santuari oracolari.

In Omero, Odissea, (XIX, 535-550)

Penelope dice a Ulisse
Vieni! Consigliami: mi è venuto in mente un sogno, che ti racconterò… ‘

Le loro pratiche divinatorie comprendevano quindi l’interpretazione dei sogni, che prendevano molto sul serio, l’analisi dei presagi, delle coincidenze, del volo degli uccelli, l’interpretazione delle forme e dei riflessi delle viscere degli animali sacrificali e l’interpretazione delle fiamme e del fumo dei sacrifici animali.

LA PITIA

ORACOLI DEGLI ARUSPICI

L’aruspice era l’indovino che leggeva il futuro nelle viscere degli animali sacrificati.

La divinazione è attestata a Roma già nel III secolo a.C..

Il verbo latino divinare si traduce con “presagire, indovinare, prevedere” ed è sinonimo del greco mantikê ,

La pratica della divinazione era legata alla loro religione, in quanto non solo prediceva e prevedeva gli eventi, ma forniva anche la volontà e i consigli degli dei nella situazione in cui si trovavano.

Alcuni siti oracolari sono famosi ancora oggi, come quelli di Delfi, Dodona o Olimpia, mentre altri sono stati un po’ dimenticati. Tuttavia, prove archeologiche o iconografiche di queste comunicazioni tra l’uomo e le sue divinità si possono trovare in Zeus e suo figlio Apollo, le due principali divinità mantiche del pantheon greco.

Al centro del santuario, la Pizia sedeva con un velo sul capo e alloro e phiale come offerte. Il dio risponde alle domande per bocca della Pizia.

È provato che i poeti si dedicavano a mettere in versi le risposte divine.

I Romani, da parte loro, lo usavano principalmente per far sì che gli dei convalidassero le loro strategie politiche o militari, chiedendo loro, ad esempio, se dovessero o meno ingaggiare una battaglia.

Tuttavia, quando un romano si trovava di fronte a un bivio nella vita personale o nel lavoro, non esitava a ricorrere alla bibliomanzia. Da un passaggio o da una frase di un libro aperto a una pagina a caso, traeva la risposta divina.

FRANCIA, nel XVI secolo,


Nostradamus

La sua opera “Les Prophéties” non avrà avuto un grande successo, ma i suoi pronostici annuali erano molto attesi.

Michel de Nostredame (noto come Nostradamus) nacque nel 1503, medico e speziale che, come molti medici dell’epoca, era anche astrologo.

Le sue previsioni astrologiche ebbero un tale successo che fu visitato dal re Carlo IX e gli fu conferito il titolo di medico di corte.

L’ingegnere polacco Stephan Ossowiecki (nato nel 1877) fu uno dei più dotati chiaroveggenti studiati dai metapsichisti negli anni Venti. La nonna paterna era rinomata nel suo entourage per il dono della lucidità, anche la madre e uno dei suoi fratelli lo possedevano, e fin da bambino notò che era in grado di indovinare i pensieri dei suoi compagni di gioco.

Secondo la biografia del dottor Geley nel suo libro L’ectoplasmie et la clairvoyance, il giovane polacco studiò ingegneria a Pietrogrado, in Russia, e cominciò a farsi un nome con le sue strane capacità. Nella sua scuola, il giorno dell’esame veniva chiesto ai candidati di estrarre un argomento da una busta sigillata e Ossowiecki, tra lo stupore dei suoi insegnanti, riusciva a rispondere alle domande senza aprire le buste. La sua fama di chiaroveggente si diffuse in Polonia, dove Richet lo incontrò nel 1921. Nel 1923, l’Institut métapsychique lo invitò a Parigi per studiare le sue facoltà metagnomiche.

Stephan Ossowiecki, POLONIA e RUSSIA

È uno dei chiaroveggenti più dotati e più studiati dagli scienziati.

 

Nacque a Mosca nel 1877, il padre era uno scienziato e un chimico che fondò un’azienda chimica, la madre un membro dell’aristocrazia polacca orientale. Parlava polacco, la sua lingua madre, ma anche russo, francese e inglese.

 

Si è laureato in ingegneria all’Istituto di Tecnologia di San Pietroburgo.

 

Sua madre e sua nonna erano entrambe chiaroveggenti e praticavano la scrittura automatica.

 

Rimase molto umile ma bon vivant, amante del buon cibo, del buon vino e della compagnia delle donne, e uno dei suoi sogni era dimostrare che gli esseri umani avevano poteri di chiaroveggenza non riconosciuti. Offrì i suoi servizi agli scienziati che lavoravano sulla chiaroveggenza. Allo stesso tempo, aiutava gli archeologi con il suo fantastico dono.

 

Durante la Seconda guerra mondiale, invece di lasciare Varsavia dove si trovava, scelse di rimanere e di usare i suoi doni per aiutare le famiglie alla ricerca dei loro cari fatti prigionieri dai tedeschi. Nell’agosto del 1944, come tutti gli altri abitanti del suo quartiere, scomparve.

Consolazioni correlate

Comments are closed.