Divinazione con il cibo | Clara Champbell

DIVINAZIONE CON IL CIBO COME MEZZO DIVINATORIO

Teoria della firma

L’uomo ha sempre utilizzato le piante per cercare di curarsi e la teoria della firma è il legame che può esistere tra la forma o l’aspetto di una pianta o di un frutto e il suo potere terapeutico.

Nel Medioevo, la teoria della firma era ampiamente utilizzata ed è ancora forte oggi.

La gente dell’epoca credeva che Dio avesse lasciato la sua firma nelle piante e nei frutti per aiutare l’uomo a guarire se stesso.

Sono stati definiti 2 gruppi di firme:

– Segni intrinseci, specifici della pianta stessa, come noci, pomodori, carote…

Nelle noci, i gherigli assomigliano agli emisferi del cervello e la teoria della firma deduce che hanno un effetto benefico sulle funzioni cerebrali.

Si dice che i fagioli abbiano la forma di un rene e abbiano un effetto benefico sui reni.

Il 2° gruppo di firme:

– firme estrinseche legate all’ambiente della pianta, come il salice con i piedi nell’acqua che ci ha dato l’aspirina.

Quando Edward Stone osservò un salice bianco nel XVIII secolo, esclamò: “Quest’albero che cresce con i piedi nell’acqua non è mai malato! Deve contenere composti contro la febbre e i brividi”.

Questa teoria della firma fu abbandonata per mancanza di argomentazioni scientifiche rigorose, ma nel caso del salice, ad esempio, l’aspirina viene prodotta dalla sua corteccia francese. Nell’antica Grecia venivano usati decotti di foglie di salice.

 

Nel 400 a.C. Ippocrate, il padre della medicina, lo usava per curare la febbre e il dolore. Pedanio Dioscoride, nato tra il 20 e il 40 d.C., ne utilizzava la corteccia per realizzare i suoi decotti segreti.

Il principio attivo del salice bianco verrà scoperto solo molto più tardi: nel 1825 il farmacista italiano Francesco Fontana riuscì a isolare la salicina.

Nel 1829, un altro farmacista francese, Pierre-Joseph Leroux, ottimizzò il processo riducendo in polvere un decotto di corteccia di salice bianco, quindi filtrandolo e concentrandolo per ottenere cristalli bianchi solubili in acqua, che chiamò salicilina, dalla parola latina per il salice è salix.

Sebbene in Occidente fosse riconosciuto il potere del cibo, la forma di divinazione più diffusa nel XIX secolo non utilizzava il cibo come mezzo per divinare, e la pratica di utilizzare fondi di caffè, uova e foglie di tè rimase minoritaria, a differenza di Letture dei tarocchi, oracoli e letture delle palme, che erano la maggioranza.

La scarificazione degli animali non veniva più utilizzata.

Il cibo è una base per la divinazione come qualsiasi altra.

Ciò che conta è la connessione del chiaroveggente con le sue Guide. Puoi persino creare il tuo mezzo con un cibo o un oggetto con cui ti senti in grado di interagire e creare le tue carte e i tuoi oracoli.

Negli ultimi anni, questi metodi di divinazione culinaria hanno guadagnato popolarità.

Caffeomanzia:

Caffeomancy uses coffee grounds.

Tasseomanzia

La Tasseomanzia è una lettura dei disegni delle foglie di tè.

enomanzia

Il mezzo divinatorio qui è il gusto, il colore e la densità del vino.

Aspergomanzia

Aspergomancy uses fresh asparagus

Tiromanzia

La tiromanzia è la divinazione con il formaggio.
Questa antica forma di divinazione utilizza i buchi del formaggio, le irregolarità della sua superficie, il suo colore e le sue crepe per effettuare una lettura.

Il formaggio fu scoperto per la prima volta nel Neolitico, intorno al 7.000 a.C.
Gli scavi archeologici presso la tomba di Ptahmes in Egitto hanno portato alla luce un formaggio vecchio di tre millenni all’interno di una pentola.
Ptahmes era sindaco dell’antica Menfi, ed era anche un ufficiale dell’esercito, amministratore del tesoro, scriba reale e sommo sacerdote sotto Sety I.

La produzione del formaggio nel Nord Europa risale a 7.000 anni fa.

Si pensa che la tiromanzia abbia avuto origine in Grecia. Fu praticato anche a Costantino d’Osroene dal vescovo Sofronio, che fu accusato di magia e astrologia al Secondo Concilio di Efeso del 449, e probabilmente di questa pratica divinatoria.

Allomanzia

Alomancy uses salt.
The diviner throws salt into the air, and his interpretation is based in two stages: the first on how the salt falls to the ground, and the second on the analysis of the shapes on the ground.
Each culture and country has a practice that may differ, but what they have in common is the belief that salt has a protective and purifying virtue.

Sumo champions, in traditional Japanese wrestling, scatter salt on the ring before their fights, as a sign of purification and to ensure that the fight remains fair.

For the Greeks, as for the Hebrews and Arabs, salt is the symbol of friendship and hospitality, because it is shared, and it also represents a promise kept, a word given, because the taste of salt is indestructible.
Homer refers to its divine character, saying that it was used in sacrifices.
They offered it to the gods and attributed to it the power to ward off demons (Plutarch).

In sacred Hindu texts (the Upanishads), it is said that God is like a lump of salt dissolved in water.

For alchemists, salt is, along with sulfur and mercury, one of the three principles. It represents the means of union, the vital spirit that enables the meeting of soul and body, between the two opposing properties of nature: sulfur as the active, masculine principle, and mercury as the passive, feminine principle.

Tiromanzia

La tiromanzia è la divinazione con il formaggio.
Questa antica forma di divinazione utilizza i buchi del formaggio, le irregolarità della sua superficie, il suo colore e le sue crepe per effettuare una lettura.

Il formaggio fu scoperto per la prima volta nel Neolitico, intorno al 7.000 a.C.
Gli scavi archeologici presso la tomba di Ptahmes in Egitto hanno portato alla luce un formaggio vecchio di tre millenni all’interno di una pentola.
Ptahmes era sindaco dell’antica Menfi, ed era anche un ufficiale dell’esercito, amministratore del tesoro, scriba reale e sommo sacerdote sotto Sety I.

La produzione del formaggio nel Nord Europa risale a 7.000 anni fa.

Si pensa che la tiromanzia abbia avuto origine in Grecia. Fu praticato anche a Costantino d’Osroene dal vescovo Sofronio, che fu accusato di magia e astrologia al Secondo Concilio di Efeso del 449, e probabilmente di questa pratica divinatoria.

Crommomanzia

divinazione della cipolla
La Crommomanzia è la divinazione che utilizza le cipolle per rispondere a domande sì-no.
Su una cipolla c’è scritto sì, sull’altra no, e la risposta a questa domanda sarà scritta sulla prima cipolla che germoglierà.

Riso

Il riso, uno dei cereali più antichi del mondo, in alcuni luoghi viene utilizzato anche per la divinazione. Un leader religioso del santuario Chiriku Hachimangu sull’isola di Kyushu ha visto delle crepe nel suo brodo di riso e ha avvertito le persone di prepararsi per un terremoto. E aveva ragione.

Consolazioni correlate

Comments are closed.