Esempio di tecniche divinatorie | Clara

ALCUNE TECNICHE DIVINATORIE

- caffeomanzia

La caffeomanzia è un metodo di divinazione che consiste nel predire il futuro interpretando le tracce lasciate dai fondi di caffè sul fondo di un piatto o di una tazza.
Originaria dello Yemen, si dice che la caffeomanzia fosse praticata fin dal IX secolo.
Quest’arte divinatoria viene tramandata di madre in figlia. Animali, numeri, lettere e oggetti sono disegnati sul fondo della tazza, capovolta sul piattino.
I disegni sul piattino rappresentano il presente, mentre i disegni sulla tazza rappresentano il futuro.

-tasseomanzia

Tasséomancy è la lettura dei disegni delle foglie di tè.
Da secoli vengono praticati metodi diversi, ma i principi sono gli stessi.
Le foglie di tè vengono preparate e il consulente beve il tè, lasciando le foglie sul fondo della tazza con un residuo di liquido.
Il consulente mescola il tè un numero di volte, che può variare da una civiltà all’altra, quindi capovolge la tazza su una sottotazza. Il rabdomante prende la coppa e interpreta i motivi, le forme e le variazioni che appaiono sul fondo della coppa.
I bordi della tazza devono essere svasati in modo che le foglie aderiscano ad essi.

-almanzia

Questa divinazione utilizza il sale. Il rabdomante getta il sale in aria, e la sua interpretazione si basa su due fasi: la prima su come il sale cade a terra, e la seconda sull’analisi delle forme sul terreno.


-Geomanzia,
Questa divinazione viene eseguita «osservando le figure formate sul terreno» (Robert).

Se l’astrologia collega il Cielo alla Terra, possiamo dire che la geomanzia unisce la Terra all’Uomo.
La geomanzia è un’antica arte divinatoria di origine araba, basata sulla matematica, portata nell’Occidente latino contemporaneamente all’astrologia araba.

Dopo un’invocazione al suo Dio, il geomante lavora sulla terra o sulla sabbia con la mano destra, disegnando le sue figure da destra a sinistra e interpretando il passato, il presente e il futuro della persona.

-bibliomanzia

è una divinazione che si esegue scegliendo un libro e aprendolo su una pagina a caso, dopo un rituale prescelto.

-Onimoranza

Molti popoli antichi credevano nella rivelazione divina attraverso i sogni, e i Greci di quel periodo storico non facevano eccezione, apprezzando molto l’onimorancie.

Gli Oneiroi (= Canti in greco antico) erano addirittura divinità che personificavano i sogni. E i loro sogni trasmettevano la volontà degli dei.

Gli antichi greci praticavano la divinazione nei santuari oracolari.

In Omero, Odissea, (XIX, 535-550)

Penelope dice ad Ulisse
Venire! Avvisatemi: mi è venuto un sogno, che vi racconterò… ‘

Quindi le loro pratiche divinatorie includevano l’interpretazione dei loro sogni, che prendevano molto sul serio, l’analisi dei presagi, delle coincidenze, del volo degli uccelli, l’interpretazione delle forme e dei riflessi delle viscere degli animali sacrificali e l’interpretazione delle fiamme e del fumo dei sacrifici animali.

-Onomanza

(o onomamanzia, onomatomanzia).
Dal greco onoma= nome e manteia= predizione.
L’onomamanzia rappresenta la divinazione utilizzando il nome di una persona. I Pitagorici lo usavano e avevano perfino il detto ‘nomen omen’, che si traduce come ‘il nome è il presagio’.

- Talassomanzia

La Talassomanzia è la divinazione attraverso l’osservazione e l’interpretazione del mare e delle sue forme, onde e colori.
In greco Thalassa significa mare.
Una delle purificazioni del nostro pendolo divinatorio è l’uso dell’acqua mobile di mare, di sorgente, di Lourdes o di fontane sacre.

In Giappone, il santuario Yaegaki dedicato alla Dea Susanoo e alla Principessa Inata è molto famoso e frequentato.
È uno stagno conosciuto come lo stagno dello specchio “kagami no ike”, che consente di prevedere il momento dell’incontro con una delle sue anime gemelle.

-Nefomanzia

Greco nephelê=nuvola
Osserviamo la forma, la dimensione, la velocità, il colore e la direzione delle nuvole, su una scala temporale di passato, presente e futuro. Le forme somiglieranno ad esempio agli animali, ciascuno con le proprie qualità simboliche.
La nefomanzia era praticata dai sacerdoti dell’antico Oriente, in Caldea, Bisanzio e Babilonia.

- TECNICHE DI DIVINAZIONE DRUIDICA

58 a.C. Giulio Cesare disse del Druidismo:
Si ritiene che la dottrina dei Druidi abbia avuto origine in Bretagna, e da quell’isola sia stata portata in Gallia; ancora oggi chi vuole approfondirlo spesso vi si reca per imparare» (Gaio Giulio Cesare Guerra Gallica).

I Druidi avevano pratiche divinatorie basate sulla loro profonda connessione e comunione con la Natura. Ricevevano messaggi divini e vivevano nella loro foresta.
I Druidi erano gli unici nel loro clan che potevano interpretare i messaggi divini e gli unici che potevano rivolgersi alle loro divinità.
Il loro clan comprendeva anche tutti i loro Antenati, che guidavano coloro che vivevano.

I loro aiuti divinatori erano la forma degli alberi, il loro fogliame, il movimento dei rami e alcune piante come l’hou, il vischio e il sambuco. Usavano anche animali e pietre.

La quercia, elemento naturale e soprannaturale per i Duidi, questo albero che apprezza molto il sole e che lo rappresentava nei paesi celtici, albero re della foresta e albero asse del mondo che collega il Cielo alla Terra e l’uomo al Divino.
Il vischio è raro e cresceva su molti dei loro alberi, come l’olmo o il faggio, ma poiché cresceva sulla quercia sacra, il vischio era considerato essenza divina dai Druidi.

Aveva anche questa componente spirituale intrinseca perché è un arbusto che cresce sull’albero che lo ospita ma non ha contatto con il terreno.
La quercia è un simbolo del sole e le bacche del vischio sono bianche e hanno la forma della luna piena. Quercia e vischio formano l’unione del femminile e del maschile, dello yin e dello yang e dell’armonia della Natura Divina.

Il vischio è una pianta perenne che non appassisce. .

Il vischio cresce anche in Australia, Nuova Zelanda, Sud Africa, Sud America e la cosa magica è che tutti questi vischi fioriscono e maturano le bacche contemporaneamente, anche se quelli dell’emisfero nord sono nel periodo invernale mentre gli altri vischi dell’emisfero sud sono nel periodo estivo. Per tutti i vischi del mondo, la fioritura e la maturazione sembrano accomunate da una comune forza ancestrale di crescita e di vita.

Le rivelazioni divinatorie dei Druidi riguardavano, tra le altre cose, la forma degli alberi, il loro fogliame, il movimento dei rami, alcune piante come l’hou, il vischio e il sambuco. Usavano anche animali e pietre.

Per predire il futuro, e per sapere ad esempio se dare battaglia oppure no, i druidi osservavano le bacche sui rami dell’agrifoglio, il loro numero e la loro crescita.

Durante i rituali per dare le loro predizioni e profezie, utilizzavano il vischio, interpretando i disegni formati sul terreno.
I druidi profetizzavano e facevano previsioni anche durante la raccolta del vischio.

Il sambuco aveva un potere curativo come il vischio ma anche un potere divinatorio.
I Druidi erano anche medium che utilizzavano i loro flauti di sambuco per comunicare con i loro antenati o ricevere messaggi divini, attraverso messaggi, visioni e lampi e praticavano magie e rituali.

Un druido era quindi uno studioso, sacerdote, sacrificatore, filosofo, matematico, giurista, oratore, stregone, medium, guaritore, consigliere matrimoniale, leader politico, insegnante, giureconsulto, oratore, astrologo, filosofo, mago e possedeva un gran numero di ricette filtranti. magico.
Il druido doveva inoltre saper maneggiare alcune armi (pugnale, mazza, giavellotto, arco, lancia, ecc.), il suo scudo e poteva indossare l’armatura, tutto questo anche se era esentato dal servizio militare.

-ASTROLOGIA

L’astrologia deriva da una lunga tradizione di osservazione del cielo che ebbe origine in Mesopotamia a metà del III millennio a.C. Gli zodiaci caldei e le tavolette babilonesi, gli almanacchi del Medioevo, gli oroscopi di Caterina de’ Medici ne sono la prova e testimoniano la mania per questo atto divinatorio. Fino al XVII secolo l’astrologia occupava un posto privilegiato negli ambienti eruditi. Astronomi, medici, re e regine ne sono affascinati. L’astrologia fornisce previsioni basate, tra le altre cose, sul tema astrologico e consentirà la stesura dell’oroscopo.

Consolazioni correlate

Comments are closed.